20 buoni propositi per crescere in azienda nel 2020

AIDA Marketing 20 buoni propositi per crescere in azienda nel 2020

Spesso mettiamo in atto delle tecniche di Growth Hacking per far crescere le nostre aziende, ma cosa succede se usiamo lo stesso approccio per crescere professionalmente?

Il nuovo anno si apre sempre con una serie di buoni propositi e, molte volte, ci riferiamo a dei progetti di crescita personale. Darsi degli obiettivi è importante e risulta il modo migliore per ottenere dei veri progressi, ma attenzione:

  • Non ponetevi degli obiettivi irraggiungibili. Se l’obiettivo è smisurato, l’assenza di un risultato concreto vi farà desistere in poco tempo.
  • Non ponetevi troppi obiettivi. È più efficace scegliere con attenzione quello che vi serve davvero e focalizzare tutte le energie su pochi obiettivi da raggiungere.

 

Detto questo, ecco 20 atteggiamenti che vi aiuteranno a crescere come professionisti e a fare carriera.

 

1. Stabilite il vostro marchio personale

Decidete quale reputazione desiderate avere sul posto di lavoro e lasciate che siano le vostre azioni a definirvi. Mantenete le promesse e le deadlines. Superate le aspettative, promettendo meno e realizzando di più (under-promise & over-deliver). Evitate quegli atteggiamenti nella vita privata che possono danneggiare la vita professionale (sempre più vero nell’era dei social media). Ricordatevi che i dettagli contano, specialmente quando l’attenzione per il dettaglio vi distingue dagli altri.

 

2. Cercate un mentore

Immagino che molti professionisti impegnati possano dire: “Non ho tempo per fare il mentore”. Tuttavia, la maggior parte delle relazioni con i mentori avvengono in modo naturale, anziché venir stabilite formalmente. Rimanete vigili e cercateli tra le persone che vi circondano. Le persone che rappresentano per me i migliori mentori non sanno nemmeno di ricoprire questo ruolo. La mia ambizione? Prendere il meglio da tutte le persone in gamba che ho conosciuto e diventare la versione migliore di ognuno di loro.

 

3. Tenetevi aggiornati sulle news quotidiane

Leggete il giornale, seguite i portali di news online e i blog (se volete, iscrivetevi alla nostra newsletter 😉), ascoltate la radio andando al lavoro. Scoprite le news che riguardano il vostro settore prima che il vostro capo o i vostri clienti chiedano.

 

4. Staccatevi dalla scrivania e fate una passeggiata fuori

Anche se solo per un giro attorno all'edificio o per prendere un panino, ad un certo punto della giornata, il vostro cervello ha bisogno di un po’ di aria fresca e il vostro corpo ha bisogno di un po’ di stretching.

 

5. Pianificate il lavoro prima di lavorare sul piano

Senza piani non si va da nessuna parte. I piani cambieranno con la forza o le circostanze. Restate flessibili, ma abbiate un piano indipendentemente dal fatto che si tratti di un progetto di lavoro, un viaggio, un acquisto importante o un’importante decisione di vita.

 

6. Non perdete nessuna opportunità di imparare

Scoprite cosa legge il vostro capo o i leader nella vostra professione (libri, pubblicazioni, siti, …). Cercate opportunità di sviluppo professionale; pagate di tasca vostra, se necessario. Unitevi alle organizzazioni di settore e fatevi coinvolgere.

 

7. Andate dal vostro capo con una soluzione, non un problema

Il vostro capo sta probabilmente risolvendo problemi da tutto il giorno. Rendetegli la vita più facile presentando almeno una possibile soluzione ogni volta che arrivate con un problema. Anche se non sarà la soluzione che alla fine risolverà il problema, questo atteggiamento impedirà al tuo capo di temere di vederti bussare alla sua porta.

 

8. Siate affidabili e responsabili

I dipendenti più validi e apprezzati non hanno paura di assumersi grandi responsabilità perché credono in sé stessi e nelle proprie capacità. Siate affidabili e leali. Solo così il vostro capo vi affiderà il proprio lavoro quando è fuori ufficio.

 

9. Viaggiate ogni volta che ne avete l’occasione

Viaggiate tra città e mete esotiche in giro per il mondo. Non rimandate un viaggio. Non racconterete mai ai vostri nipoti di quel fantastico viaggio che non avete fatto perché eravate troppo occupati al lavoro.

 

10. Siate interessati e curiosi

Ponete delle buone domande e ponetele spesso. I giovani professionisti hanno molto da offrire in un ambiente lavorativo. Parlate quando avete qualcosa da offrire, ma ricordate di bilanciare il vostro entusiasmo con l’esperienza dei colleghi più senior.

 

11. Ricordatevi che ognuno porta il proprio “sacco di pietre”

Non potete sapere che tipo di problemi personali sta affrontando il vostro collega che ha mancato la deadline. Siate gentili. Sempre!

 

12. Rimanete aggiornati, ma evitate i pettegolezzi

Mantenetevi nelle zone di confine e siate delle persone fidate e rispettate da tutte le parti e a tutti i livelli dell’organizzazione.

 

13. Cercate opportunità di “mentoring inverso”

Potete rappresentare una risorsa anche per i vostri colleghi con più esperienza. I professionisti esperti possono imparare molto dai coetanei più giovani.

 

14. Sembrare occupati non equivale ad essere produttivi

Il collega che si lamenta in continuazione del suo pesante carico di lavoro e delle lunghe ore è probabilmente meno produttivo di quello organizzato e in grado di dare priorità al suo lavoro.

 

15. Coltivate i contatti fuori dal lavoro

La vostra prossima opportunità di lavoro potrebbe arrivare attraverso qualcuno che avete conosciuto in palestra, ex compagni di scuola, amici o organizzazioni di settore

 

16. Prendete iniziativa

I migliori dipendenti propongono nuove e migliori soluzioni. Aiutano gli altri, condividono la propria esperienza e fanno raccomandazioni. Iniziano progetti significativi prima che gli venga chiesto. Ricevere una risposta affermativa a domande come: “Hai preparato la presentazione?” è il sogno di ogni manager. Se a questo seguite con un “E ho anche aggiornato i dati e stampato i report” non potrete che vedere un sorriso stamparsi sulle labbra del vostro capo.

 

17. Prendete rischi

Va bene sbagliare di tanto in tanto. Nessuno può aspettarsi la perfezione. Inoltre, spesso si impara più dagli errori che dai successi. Sì, davvero!

 

18. Cercate l’equilibrio tra la vita professionale e quella privata

L’equilibrio probabilmente fluttuerà di giorno in giorno, ma gli ambienti creativi, l’esercizio fisico e gli hobby vi renderanno dei dipendenti più preziosi (e più sani!).

 

19. Amate il vostro lavoro

I migliori professionisti vanno al lavoro perché lo vogliono, non perché devono. Se non amate il vostro lavoro, probabilmente non siete al posto giusto.

 

20. Riempite l’ambiente con energia positiva

Positività porta positività. Le persone positive, amichevoli, estroverse e ottimiste anche nelle ore di lavoro più dure, ottengono consenso da tutti i livelli dell’organizzazione.

 

Se il Growth Hacking ha funzionato per aziende come WhatsApp, Tinder, Twitter e molti altri, perché non metterlo in atto per diventare dei professionisti migliori e crescere all'interno dell’azienda?

Trovate il vostro growth hack personale e buon 2020!

Fonti: https://www.ragan.com/20-pieces-of-advice-every-young-professional-should-follow/; https://forbes.it/2018/11/02/come-rendersi-insostituibile-lavoro/

 

Laura

Scritto da Laura

Head of Marketing & Digital Strategy @AIDA

Dopo un’esperienza di 7 anni maturata in una nota multinazionale in qualità di Marketing Manager per Svizzera, Germania e Austria, mi occupo della strategia dei miei clienti come fossi parte della loro azienda.
Nel tempo libero mi diverto con il surf.

Le mie parole d’ordine sono strategia, performance, passione e teamwork!