Il content marketing nel 2019: fate più video (e SEO)!

AIDA content marketing importanza video

Deviare le risorse sulla produzione di video

Se è vero che il “contenuto è Re” e il content marketing è attualmente uno degli approcci al mercato più efficaci, l'indiscusso “Re dei Re” è il video. Nuovi studi indicano che nel 2019, l'80% del traffico internet generale dei consumatori sarà generato dai contenuti video. Questa cifra, oltretutto, non tiene conto delle video chat ma si riferisce semplicemente al consumo di video preregistrati o di streaming video in diretta.

Il video è uno dei modi migliori per attirare l'attenzione, nel content marketing, perché ha una grande facilità di fruizione per lo spettatore. Il video, inoltre, combina anche tutti e tre i vantaggi del contenuto di valore: è utile, informativo e intrattiene.

Per le aziende che sono disposte a investire in un buon team di produzione (…), il video può essere un ottimo modo per creare contenuti in maniera regolare e rapida. Quando poi la strategia per i contenuti viene combinata con altri usi del video - come le trasmissioni di video live, in particolare con i social influencer – è possibile stabilire rapidamente una relazione solida con i clienti e mantenerla.

Due tipi di contenuti video sono particolarmente utili per i clienti e includono:

  • Testimonianze:

Allo stesso modo in cui le recensioni degli altri utenti costituiscono una delle più importanti tipologie di ricerca che i potenziali clienti intraprendono, le testimonianze video possono essere ancora più apprezzate: mostrando altri clienti che evidenziano gli usi e gli aspetti positivi di un prodotto o servizio, si ispira fiducia nei consumatori.

  • Tutorial o demo:

Le persone sono sempre interessate nell’imparare cose nuove, [soprattutto] per assicurarsi che un acquisto valga davvero la pena. E se è pur vero che un articolo approfondito può essere molto illuminante, a volte è decisamente meglio usare un video. Quindi: create e condividete video (dei vostri clienti) con azioni, animazioni e spiegazioni per rafforzare l’”apprendimento” [e, di conseguenza, l’interesse].

La cosa importante da notare con queste tipologie molto diffuse di contenuti video è che sono incentrati sull'arricchimento della comprensione da parte del cliente riguardo ai prodotti [o servizi dell’azienda] e sulla focalizzazione verso le sue esigenze. Assicuratevi quindi che qualsiasi vostra azione sia “indiretta” e non perseguita in modo aggressivo: queste forme di comunicazione video servono per creare fiducia e [costruire la propria] autorità, anche perché i consumatori sono molto attenti e diffidenti nei confronti del fatto di essere “venduti”. (…) Il valore del contenuto ha la precedenza sulla promozione del prodotto o del servizio.

L'integrazione SEO è ancora importante

Alcuni potrebbero commettere l'errore di pensare che oggi, con l'importanza del contenuto di qualità e il dominio del video come strumento di marketing, l'ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO) potrebbe non essere più così cruciale. Ebbene, nulla di più lontano dalla verità: mentre il contenuto è in definitiva quello da cui i clienti si lasciano coinvolgere e fidelizzare, le buone pratiche SEO sono comunque ciò che permette ai [potenziali] consumatori di trovare il tuo contenuto, inserendo una query generica in un motore di ricerca.

Mentre, però, la SEO è importante per gli utenti più "convenzionali", su desktop e laptop, la spinta a dare priorità alle ricerche su mobile da un lato e alla produzione di contenuti dall’altro, nel 2019 rimarrà molto forte e ci sarà un'enfasi ancora maggiore sull'ottimizzazione per la ricerca vocale. Le regole e le pratiche per l'ottimizzazione di quest’ultima non sono ancora ben definite e comporteranno ancora un (bel) po' di perfezionamento e sperimentazione. Quindi, come gli stessi motori di ricerca dovranno vedere cosa funziona meglio per chi naviga con smartphone e in che modo si differenzia dall'uso di altri device, allo stesso modo l'interfaccia e i risultati per le ricerche verbali sono molto diversi da quelli “classici”: in questi casi, ad esempio, la ricerca non risulta in una SERP visibile con le varie meta description. Si può quindi dire che questo è un territorio ancora in gran parte inesplorato, da tenere d'occhio per chiunque si interessi di SEO.

I social media sono la via migliore per la condivisione

I social media sono diventati uno dei mezzi più importanti di comunicazione e intrattenimento per il grande pubblico. Ciò significa che il mondo social è diventato uno degli spazi virtuali più critici per il marketing, content incluso. Le piattaforme come Facebook, Twitter, Instagram, Pinterest e molti altri ancora sono i principali luoghi dove “trovare” le persone in questi giorni. Di conseguenza, non sorprende che i social media siano un luogo privilegiato per il marketing digitale. Persino i sistemi di assistenza clienti si stanno spostando sui social media, con alcune aziende che su questi ultimi costruiscono direttamente la loro reputazione – date un’occhiata a come viene utilizzato lo humour sull'account Twitter di Netflix.

(…) Anche qui il content marketing può essere di casa: i video possono essere pubblicati ovunque, sia su YouTube, Facebook, Instagram, Pinterest che direttamente sul sito web di un'azienda. Ma non solo i video, anche gli altri tipi di contenuti di marketing come articoli di blog e foto possono essere promossi con successo sui social media (rimandando poi eventualmente a siti più completi). Con una combinazione di utilizzo corretto dei social media, l'attenta selezione di didascalie, tag e immagini di copertina e un impegno costante si possono ottenere ottimi risultati per le campagne di content marketing.

Fate contenuti di alta qualità!

Infine, l’unica cosa che non dovrebbe mai essere dimenticata è il fondamento del contenuto: la sua qualità.

Quando ti crei una reputazione con la produzione di contenuti di alta qualità, i nuovi contatti e le fidelizzazioni sul lungo periodo saranno sempre elevati. La qualità è la parte più importante dei contenuti e il mercato tende a premiarla con il successo. Non dimentichiamolo mai.

 

(Fonte: digitalmarketinginstitute.com)

(Autore: Clodagh O'Brien)

 

Michele

Scritto da Michele

Content Manager @AIDA

Mi occupo di contenuti da oltre 15 anni in qualità di copywriter, creativo, redattore, PM. Sono passato da tante agenzie in Svizzera e all'estero, poi ho fondato la mia e poi ...ho conosciuto AIDA e ho messo la testa a posto!
Nel tempo libero mi diverto a praticare la Muay Thai, ma più che altro sono gli altri che si divertono con me...

Il mio motto è "se hai una buona idea, usala; se non ce l'hai, trovala!"